Sarri condottiero del napoli

Il turno di campionato infrasettimanale registra l'involuzione dell'inter evidenziata già a Crotone, che sfila dal vertice, mentre la juve vince giocando maluccio con la fiorentina, ed il napoli da spettacolo in trasferta contro la lazio! Saranno loro i veri padroni del campionato?

Dybala protagonista assoluto a Sassuolo

La quarta giornata di campionato ha visto il trio di testa vincere, sebbene con modalità diverse; di valanga il Napoli che stritola senza tanti complimenti il malcapitato Benevento in un  inedito derby campano, mentre la Juventus sbanca a Sassuolo mettendo in vetrina un Dybala formato Messi, che si porta a casa il pallone grazie a una fantastica tripletta che lo incorona capocannoniere assoluto del nostro campionato, mentre dal canto suo l'Inter porta a casa tre punti dopo una prestazione così così, che ha confermato tutte le difficoltà della squadra nerazzurra quando deve affrontare squadre inferiori tecnicamente che si chiudono a riccio.

Vincono in rimonta juve, napoli e inter, mentre il milan scopre in Cutrone un possibile titolare fisso , ma a tenere banco sono le polemiche, inevitabili, sul var; intanto la spal neopromossa è già a 4 punti...

Il campionato archivia la deludente parentesi nazionali e mette in mostra i fuoriclasse argentini...

Icardi, protagonista della vittoria 

 

Il campionato è partito senza grosse sorprese e le favorite per la vittoria finale si sono fatte trovare tutte pronte, non fallendo il debutto.

La Juventus mette da parte le recenti delusioni estive e liquida senza patemi un Cagliari tecnicamente troppo inferiore per impensierire i bianconeri; la manovra è quello che è; il gioco non scorre fluido, la condizione è tutt'altro che brillante e le distanze tra i reparti sono decisamente migliorabili ma gli uomini di Allegri hanno comunque dato prova di grande coesione e potenza; bene Dybala, già in condizione, da rivedere invece Higuain nonostante il gol.
Allegri sta ancora cercando la formula dell'assetto migliore.

il Napoli vince in trasferta a Verona fornendo  un'ottima impressione, sciorinando calcio di buon livello con un collettivo che funziona e  mostrando un impianto di gioco attualmente superiore a tutte le altre squadre; Sarri si ritrova tra le mani un gran bel giocattolo e mai come quest'anno il Napoli potrà dire la sua nella lotta per lo scudetto. Quello che mi è piaciuto della trasferta veronese del napoli è stata la maturità della squadra che ha saputo gestire bene tutte le fasi dell'incontro.

La Roma aveva probabilmente il compito più difficile della giornata, perché Bergamo non è mai un campo semplice e più volte in passato i giallorossi ci avevano lasciato le penne; questa volta la vittoria è arrivata grazie ad una punizione piuttosto fortunata di Kolarov ex laziale che ha trovato subito il modo per farsi amare dai giallorossi; Di Francesco ha avuto le risposte che cercava e la squadra, pur se ampiamente migliorabile, è comunque molto forte.

Le milanesi sono entrambe partite molto bene; Inter di Spalletti ha vinto nettamente il duello con la Fiorentina dell'ex Pioli, cui i tifosi interisti hanno riservato un'ottima accoglienza nonostante la travagliatissima scorsa stagione; Icardi in grande spolvero con una perentoria doppietta festeggia al meglio la convocazione in nazionale e  si presenta subito come leader della classifica marcatori.

Spalletti ha la conferma di avere probabilmente il miglior attaccante della serie A; la squadra ha mostrato ottimi fraseggi, ma anche parecchie (troppe) pause, assolutamente da eliminare se si vuole costruire qualcosa di buono. Ottimo il debutto di Skriniar e Vecino mentre il metronomo Borja Valero era quello che ci voleva a centrocampo.

il Milan di Montella scende a Crotone e impone la legge del più forte, mettendo in mostra un Cutrone che potrebbe essere il crack dei prossimi anni; i rossoneri hanno mostrato un ottimo impianto di squadra e va dato atto a Montella di avere già assemblato un ottimo squadra, sicuramente in grado di recitare un ruolo da protagonista.

Il debutto della VAR

La prima giornata di campionato ha visto lo storico debutto della Val, che pur tra difficoltà dovrà (spero) ridurre al minimo gli errori arbitrali; resta da capire comunque il metro di giudizio che la farà applicare; l'augurio è che i tifosi e tutto l'ambiente calcistico (arbitri in primis) siano sufficientemente maturi per accettarla.

Buon campionato a tutti!